Pixel&Parole
link
Ciao River

Ieri si é addormentato il mio compagno a quattro zampe. Non ho troppa voglia nè forza di parlare. Lo ricorderò sempre con quel suo caratteraccio a tratti  lagnone, fifone  e rompi balle ma anche tenero, curioso e magnone. Per 17 anni é stato nella mia vita e abituarsi all’idea che non ci sia più é un colpo in pancia bestiale. Sono stata la prima della famiglia a vederlo e a ‘sceglierlo’ quando aveva appena 3 mesi e sono stata l’ultima a dargli l’addio in tutta la sua vecchiaia più logorante.

Buonanotte Rivi manchi tanto

Tua chia

link
Ciao bolidino

Oggi credo di esser riuscita a vendere il mio motorino storico.

Lo presi nel ‘97. Ne son passati di anni…ricordo ancora che fu il regalo della mia bisnonna, mi diede un milione di lire quando ancora avevo 12 anni e io li tenni con ardore perchè sapevo che con quei soldini ci avrei comprato il mio primo (e anche unico) motorino.

Quanto mi costò quella scelta una volta arrivata ai 14 anni. In quegli anni avevo maturato l’idea di prendere una moto : l’ Aprilia RS 50 Chesterfield Max Biaggi uscita nel 1996 credo.

Quanti sogni su quella moto che tutti definivano da maschiaccio e che infatti fui costretta a non prendere.  Il phantom F12 fu un giusto compromesso tra l’ F10 che tutte le femmine si prendevano e la RS 50.

Quante ne ha viste il mio bolidino?

I primi baci, le fughe fuori dal paese, le prime serate alcoliche e quelle con la tazza di Lupo Alberto slacciata. Ha visto le prime lunghe soste in garage al primo fidanzamento quando ‘lui’ aveva la macchina, mi ha accompagnata di nuovo single nella ‘metropoli’ bolognese, quando ancora mi sembrava ‘metropoli’. E’ stato di mio fratello e poi di nuovo mio e poi nuovamente sostituito e messo in garage per essere poi ripreso.

Ha visto un incidente nel quale mi ha fatto restare illesa, non so come. Ha visto anche una rapina e un campo di nomadi dove fu trovato dopo che me lo rubarono. E poi vide Milano, con quel suo traffico sconosciuto e con le botte che prese per ben due volte.

Graffiato, mezzo rotto, con la dignità però ancora intatta ora troneggia di nuovo a Bologna. Puzza maledettamente di olio bruciato ma mi accompagna fedelmente ogni mattina fino a qui e così farà fino a sabato, quando un papà lo prenderà per regalarlo a suo figlio.

Verniciato, rifatto, modernizzato e raddrizzato già me lo vedo…in mezzo ad un gruppo di ragazzini, dove troneggerà con la sua Arrow appena montata, maraglissimo o truzzo ma sempre fiero. E sorrido, perché nessuno saprà quanto é vissuto e quanta storia si porta dietro ma accompagnerà ancora per un bel pezzo di strada qualcun’altro.

Bat

link
Brivido…invisibile

Bologna, Arena del Sole

Un’ effervescente Cristina Donà sul palco che esorta il suo pubblico a baciarsi, parla amorevolmente del suo bimbo a casa che l’aspetta, improvvisa un walzer togliendosi le scarpe. Fenomenale, da brivido lungo la schiena invisibile e silenzioso come la verità e la bellezza, per citare le sue stesse parole. L’acustica del teatro ha fatto provare emozioni rare, mentre tutti rimanevamo con gli occhi lucidi ad ascoltare quel suono a tratti liquido, a tratti morbido e rauco, a tratti incredibilmente e solamente vocale. La genialità incanta tutti…impossibile resistervi.

Bat

link
Spazio…Pentax

La prossima settimana inizio il corso di fotografia digitale, finalmente darò una svolta a quella che è sempre stata una mia grande passione.

Ricordo ancora la prima macchina fotografica che usai, era una reflex Pentax e riuscivo a malapena a sorreggerla quando mi misi a scattare le prime foto. Avevo si e no 13 anni.

Mi piaceva un sacco starmene sola a rubare frammenti di fiori, alberi, case in rovina.

Come ora.

Ma con 10 anni in più sul groppone.

Bat

link
Stiamo aspettando…23 marzo 2010

La Costituzione Italiana all’articolo 3 dice che non può esserci legge che possa discriminare un cittadino sulla base “di sesso, razza, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni personale e sociale. Sempre la stessa Costituzione impegna lo Stato a “rimuovere  gli ostacoli di ordine economico e sociale, che limitano di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana…”.

link
thephotodump:

73/365
busy night.

thephotodump:

73/365

busy night.

link
Un jour, moi aussi, je sérai une des triplettes.

Un jour, moi aussi, je sérai une des triplettes.

link
link
comicallyvintage:

negativepleasure: alex raymond (via: goldenagecomicbookstories)
link
Ora di stelle di G.Lorca

Il silenzio rotondo della notte

sul pentagramma

dell’infinito.

Me ne vado nudo per la strada

carico di versi

perduti.

Il nero, crivellato

dal canto del grillo,

ha questo fuoco fatuo,

morto,

del suono.

Questa luce musicale

che lo spirito

intuisce.

Scheletri di farfalle a mille

dormono nel mio recinto.

C’è una giovinezza di brezze pazze

sopra il fiume.